Pubblicato da Staff N&S

Per vulvovaginite si intende l'infiammazione della vulva e della vagina, quasi sempre causata da un fungo noto come Candida. Più raramente le infezioni possono essere causate da batteri, per esempio Trichomonas. Se l'infezione è dovuta al fungo Candida, si parla anche di candidosi vulvo-vaginale. Le infezioni causate da Candida sono molto frequenti: il 75% delle donne in età fertile manifesta almeno una volta nella vita un episodio di vulvovaginite da Candida; nel 40-50% si verifica un secondo episodio; nel 5% si sviluppano forme periodiche di vulvovaginite (vulvovaginiti recidivanti). Si parla di vulvovaginite recidivante quando si susseguono almeno 4 episodi in un anno. Gli episodi devono essere confermati attraverso il tampone vaginale.

Sintomi della vulvovaginite da Candida

La vulvovaginite da Candida si caratterizza per l'intenso prurito vaginale e vulvare. Sono quasi sempre associate secrezioni biancastre (leucorrea), con aspetto del secreto vaginale detto «a ricotta». Possono anche essere presenti irritazione più o meno diffusa, bruciore vulvovaginale e dolore durante i rapporti sessuali (dispareunia). Il pH vaginale è quasi sempre acido, con valori inferiori a 4.5. Se i valori di pH sono superiori, si deve sospettare una infezione batterica (Trichomonas) o una infezione mista (batteri più funghi).

Cause di vulvovaginite da Candida

Pur essendo annoverata tra le malattie a trasmissione sessuale, cioè contratta attraverso rapporti con una persona infetta, la vulvovaginte da Candida origina quasi sempre dalla donna stessa (origine endogena). Il fungo Candida è normalmente presente nella vagina, ma non è nota la causa per cui in alcune donne questo fungo prolifichi oltre il dovuto e diventi patogeno. In una ridotta percentuale di casi è possibile riconoscere la presenza di fattori che predispongono all'infezione, fra i quali sono da ricordare la gravidanza, il diabete mellito, alcuni deficit del sistema immunitario, la terapia con cortisone o con antibiotici a largo spettro e l'assunzione di contraccettivi orali.

Tabella 1. Schema di trattamento delle vulvovaginiti micotiche con itraconazolo.

Primo Episodio Forme recidivanti (più di 4 episodi per anno)
200 mg al giorno per 3 giorni 400 mg (200 ogni 12 ore) il primo giorno del ciclo da ripetere per 6 cicli mestruali consecutivi

Terapia della vulvovaginite da Candida

Fino all'inizio degli anni '80 le vulvovaginiti erano trattate solo con sostanze per via locale (creme, ovuli vaginali, candelette vaginali etc). L'esperienza dimostra che con questa via di somministrazione il 10-15% delle pazienti non guariscono e presentano ancora sintomi alla fine del trattamento. Inoltre, le recidive si ripresentano nel 15- 20% dei casi. La terapia per via orale permette di risolvere rapidamente l'infezione in oltre il 95% delle pazienti. I due farmaci antimicotici maggiormente utilizzati sono il fluconazolo (Diflucan®) e l'itraconazolo (Sporanox®®). Essi possono essere utilizzati sia per trattare il primo episodio che le infezioni recidivanti. Se si usa l'itraconazolo, lo schema più spesso adottato e quello di tabella 1. Nelle forme recidivanti è inoltre opportuno seguire alcune semplici regole per impedire che il fungo tenda a proliferare e a dare un nuovo episodio (tabella 2).

Tabella 2. Norme igieniche per prevenire le recidive della vulvovaginite da Candida.

Norma igienica
1 Cambiare frequentemente la biancheria intima
2 Utilizzare alte temperature e disinfettanti specifici per il lavaggio della biancheria
3 Limitare l'uso di indumenti aderenti e di tessuti sintetici
4 Evitare lavaggi troppo frequenti con abuso di saponi a pH acido
5 Praticare correttamente il nettoyage (lavaggio antero-posteriore)
6 Asciugare attentamente la cute e le mucose dopo la toilette
7 Limitare l'assunzione di carboidrati e zuccheri
8 Inserire lo yogurt o i fermenti lattici nell'alimentazione quotidiana
9  Evitare l'uso abnorme di lassativi
10  Aumentare l'assunzione di fibre alimentari
11  Utilizzare il profilattico fino ad accertata guarigione

A chi rivolgersi?

Ginecologo

La lettura dell'articolo non sostituisce il parere del medico

CERCHI UNO SPECIALISTA
NELLA TUA ZONA?

N&S Store prossimamente online

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.