sei nella sezione   Dermoestetica
Pubblicato da Staff N&S

La pitiriasi versicolor è una infezione della pelle causata dal fungo Pityrosporum orbiculare che si manifesta con chiazze caffellatte sulle pelli chiare non abbronzate e con chiazze bianco-latte nei soggetti di colore o dopo abbronzatura intensa. Il nome versicolor (inversione del colore) deriva proprio dall’osservazione che le macchie cambiano colore a seconda del “fondo circostante” (figura 1). L’infezione è frequente in tutte le razze e può colpire a tutte le età, ma predilige i soggetti giovani (20-40 anni). In Italia è più frequente in primavera ed all’inizio dell’estate.

Figura 1. Macchie caffellatte in donna di pelle chiara (A): si noti la forma a cartina geografica per confluenza di più chiazze singole. In (B) macchie chiare in adolescente di colore.
pitiriasi-pityriasis-versicolor

Come si presenta la pitiriasi versicolor?

Le macchie, che come detto appaiono più chiare su pelle scura e più scure (o rosate) su pelle chiara, sono piccole, rotondeggianti, a margini netti, più o meno numerose. Osservate con una lente di ingrandimento si notano in superficie fini squame che, grattate, si staccano. Con il progredire dell’infezione le macchie possono confluire, fino a formare aree più o meno ampie, con una forma detta a “cartina geografica”. Le sedi prevalenti dell’infezione sono il petto, il dorso e le braccia. Se non curata la malattia tende ad estendersi, anche se vi può essere un miglioramento spontaneo durante la stagione estiva. Le macchie non sono direttamente contagiose, ma asciugamani ed accappatoi devono essere disinfettati sia per evitare reinfezioni nei soggetti trattati in via di guarigione sia per evitare il possibile contagio dei conviventi.

Diagnosi di pitiriasi

La diagnosi è semplice nella maggior parte dei pazienti. Se sussistono dubbi con la pitiriasi alba, la pitiriasi rosea e la vitiligine, il dermatologo può eseguire il prelievo delle squame superficiali grattandole con un bisturi a punta smussa e chiedere un esame microscopico. Inoltre, l’illuminazione della zona con luce ultravioletta  emessa da una apposita lampada, la lampada di Wood, rende le macchie di pitiriasi fluorescenti (emettono una luce riflessa di colore arancione).

Cause della pitiriasi versicolor

La pitiryasis versicolor è causata dal fungo Pityrosporum orbicolare, noto anche come Malassezia furfur. Si tratta di un fungo abitualmente innocuo e normalmente presente sulla pelle umana. Per ragioni non completamente note, probabilmente quando aumentano sia la temperatura che l’umidità ambientale, questo fungo tende a proliferare eccessivamente. Poiché Pityrosporum orbiculare produce come scarti metabolici alcuni acidi grassi che inibiscono la sintesi della melanina, nella zona infettata dal fungo la melanina non viene più sintetizzata dalla pelle e si generano le tipiche macchie bianche.

Terapia della pitiriasi versicolor

La terapia della Pityriasis versicolor consiste nell’applicazione di farmaci locali (creme, schiume) a base di econazolo (Pevaryl®), clotrimazolo (Canesten®) e fluconazolo (Diflucan Gel®). Nei casi più gravi possono essere utilizzati farmaci per bocca, per esempio l’itraconazolo (Sporanox®) alla dose di 200 mg per 7 giorni.

A chi rivolgersi?

Dermatologo

La lettura dell'articolo non sostituisce il parere del medico

CERCHI UNO SPECIALISTA
NELLA TUA ZONA?

N&S Store prossimamente online

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.