sei nella sezione   Diagnosi & Malattie
Pubblicato da Staff N&S

Le lacrime artificiali (o sostituti lacrimali) sono colliri in gocce o gel (raramente in unguento) che instillati nei pazieni con secchezza oculare, svolgono la stessa funzione lubrificante delle lacrime naturali. Questi prodotti sono venduti in farmacia senza obbligo di ricetta per la cura dell'occhio secco.

Composizione delle lacrime artificiali

Le lacrime artificiali sono soluzioni base contenenti acqua ed alcuni sali (sodio, potassio etc). La concentrazione dei sali rende le lacrime artificiali normo-osmolari o ipo-osmolari rispetto alle lacrime naturali. A questa soluzione di base, si aggiungono molecole polimeriche ad alta densità che impediscono che l’acqua evapori dopo pochi minuti che la soluzione è stata instillata nell’occhio. Ciò consente di tenere l’occhio umettato per molte ore dopo l’instillazione. Questi polimeri svolgono cioè la stessa funzione delle sostanze grasse secrete dalle ghiandole di Meibonio e presenti nelle lacrime naturali. Da molti anni le tre sostanze polimeriche maggiormente usate nelle lacrime artificiali sono la carbossimetil-cellulosa (CMC), il polietilen-glicole (PEG) e l’acido ialuronico (IA). Queste tre sostanze possono essere presenti singolarmente o in coppia nella preparazione. Più la concentrazione di queste tre sostanze aumenta, più il collirio diventa gelatinoso, fino a diventare quasi pastoso. Più la preparazione è gelatinosa più a lungo l’occhio è protetto. Infine, nelle lacrime artificiali sono presenti dei conservanti. Il conservante evita che i batteri presenti nell’occhio o sulle ciglia, che dovessero accidentalmente entrare nella soluzione quando il paziente poggia il beccuccio del flacone sull’occhio, possano proliferare (figura 1).


instillazione delle lacrime artificiali 
Figura 1 Instillazione delle lacrime artificiali: per evitare che i batteri presenti sulle ciglia o nel sacco congiuntivale entrino in contatto con il beccuccio del flacone, questo non dovrebbe mai toccare alcuna parte dell’occhio. E' ben visibile una pinguecola  prominente dalla superficie della cornea.

 

 

I conservanti attualmente più utilizzati sono i cosiddetti conservanti a scomparsa (clorito di sodio, Polyquad, idrossimetil-glucinato, etc), così chiamati perché quando entrano a contato con la superficie dell’occhio si trasformano in acqua e sostanze naturali non irritati per l’occhio.

Indicazione per l’uso delle lacrime artificiali

Le lacrime artificiali sono indicate in tutte le forme di secchezza oculare, dalla sindrome dell’occhio secco a tutte le forme di disfunzione lacrimale. La secchezza oculare può essere causata sia da ridotta secrezione che da eccessiva evaporazione del film lacrimale. Conseguentemente, la superficie esterna dell’occhio si asciuga rapidamente e l’occhio si trova esposto agli agenti esterni (vento, polvere etc) senza la protezione lacrimale. L’assenza del film lacrimale determina un aumento dell’attrito fra la cornea e la congiuntiva palpebrale, con sfregamento fra le due parti ad ogni apertura e chiusura delle palpebre. Alcune categorie di persone sono particolarmente esposte a secchezza oculare:

  1. portatori di lenti a contatto;
  2. operatori ai terminali video;
  3. soggetti che operano in luoghi poco umidificati;
  4. pazienti con morbo di Parkinson;
  5. pazienti che usano diuretici ad alte dosi.

Le lacrime artificali sono anche utilizzate nei pazienti con pinguecola o pterigio per evitare la sensazione di corpo estraneo e sfregamento che esse comportano.

Controindicazioni delle lacrime artificiali nell'occhio secco

Non esistono controindicazioni all’uso delle lacrime artificiali. Benché acquistabili in farmacia senza alcuna prescrizione medica, è comunque opportuno che sia l’oculista a prescrivere questi prodotti, soprattutto per verificare la reale causa di secchezza dell’occhio.

A chi rivolgersi?

Oculista

La lettura dell'articolo non sostituisce il parere del medico

CERCHI UNO SPECIALISTA
NELLA TUA ZONA?

N&S Store prossimamente online

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.