sei nella sezione   Diagnosi & Malattie
Pubblicato da Staff N&S

L'artrite è una affezione infiammatoria delle articolazioni sia grandi (es. ginocchio, anca) che medie (es. vertebre) o piccole (es. dita delle mani). L'artrite può essere acuta o cronica e può manifestarsi con differenti sintomi e gravità. In alcuni casi si associa ad altre malattie sistemiche di tipo infiammatorio: per esempio l'artrite psoriasica colpisce il 10% dei pazienti affetti da psoriasi.

Classificazione e cause di artrite

Le cause dell'artrite possono essere numerose e da esse dipendono sia la prognosi che la terapia. Le artriti sono generalmente classificate in tre gruppi:
1. artrite settica;
2. artrite asettica;
3. artrite metabolica.

Nell'artrite settica la causa dell'infiammazione è una infezione. I germi coinvolti nell'infezione sono quasi sempre batteri (es. Stafilococchi) che infettano l'articolazione dopo essere stati trasportati dal sangue (es. malattia di Lyme) o in seguito ad un intervento chirurgico. Nell'artrite asettica il liquido sinoviale rimane sterile (assenza di batteri). In alcuni casi di artrite asettica la causa è di natura autoimmune. La forma più grave di artrite asettica e l'artrite reumatoide. L'artrite metabolica è quella che deriva da alterazioni del metabolismo, per esempio l'artrite da deposizione di cristalli di acido urico (gotta), che si verifica quando aumenta la quantità di acido urico nel sangue (iperuricemia).

Diagnosi di artrite

Quale che sia la causa che ha generato l'infiammazione articolare, la diagnosi si basa su indagini di laboratorio (indici infiammatori, proteina C-reattiva, fattore reumatoide, anticorpi anti-citrullina etc), radiografia e/o risonanza magnetica dell'articolazione, oltre ovviamente all'esame diretto del paziente.

Terapia dell'artrite

La terapia dipende dalla causa scatenante. Nelle artriti infettive la cura si basa sulla somministrazione di antibiotici e di antiinfiammatori. Nell'artrite da cristalli di urato è necessario curare prima l'attacco acuto di gotta e poi la iperuricemia che determina la precipitazione dei cristalli di urato (es Zyloric®). Nell'artrite reumatoide si usano i derivati del cortisone o i farmaci che deprimono la risposta immunitaria (es. metotrexate, ciclosporina, leflunomide), fino ad arrivare ai nuovi farmaci a base di anticorpi monoclonali contro il TNF-alfa, come infliximab (Remicade®), l'etanercept (Enbrel®) o adalimumab (Humira®).

A chi rivolgersi?

Reumatologo

La lettura dell'articolo non sostituisce il parere del medico

CERCHI UNO SPECIALISTA
NELLA TUA ZONA?

N&S Store prossimamente online

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.