sei nella sezione   Pianeta Donna
Pubblicato da Staff N&S
Fra le alterazioni del ciclo mestruale un ruolo a parte va riservato all’amenorrea che si osserva in condizioni di stress psicofisico estremo, per esempio nelle donne impegnate in sport agonistici che si giovano di una elevata magrezza, per esempio la maratona. Un meccanismo simile, ma non identico, si ha anche nelle donne affette da anoressia nervosa. Questo tipo di disfunzione è definita amenorrea ipotalamica da stress, poichè i due fattori coinvolti sono lo stress (fisico e psichico intenso) e l'ipotalamo, il centro del cervello dove lo stress esercita i suoi effetti dannosi. Nell’amenorrea da stress, la cessazione delle mestruazioni non può essere imputata ad alcuna causa apparente. Per quante indagini si possano eseguire, non si riscontra alcuna malattia endocrina o organica che giustifichi la cessazione del ciclo. L’unico riscontro è di tipo funzionale ed è a carico dell’ipotalamo, la regione del cervello dove arrivano i segnali emotivi, che cessa la secrezione del Gonadotropin Releasing Hormon (GnRH), l’ormone di rilascio delle gonadotropine. Quando ciò accade, le ovaie non sono più sottoposte a stimolazione ormonale ed il ciclo mestruale si interrompe (figura 1).

 

Figura 1. Blocco dell’ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH) da parte dell’ipotalamo sottoposto a segnali di stress e cessazione del ciclo mestruale.

amenorrea-ipotalamo-ciclomestruale
Perché l’ipotalamo smette di rilasciare GnRH? La causa è lo stress, inteso nel senso più ampio del termine. Nei casi di eventi gravemente stressanti a livello psichico, per esempio un lutto, un divorzio non voluto, la perdita del lavoro, si può osservare la  scomparsa del ciclo, causata solo ed esclusivamente dalla mancata secrezione di GnRH.
La stessa cosa succede quando lo stress è di tipo fisico. Se una giovane atleta si sottopone a seduedi allenamento estenuanti e protratte, soprattutto se accompagnate da riduzione della massa grassa, l’ipofisi blocca la secrezione di GnRH. Se questo stile di vita è adottato dalla giovane atleta prima della pubertà, è possibile inibire la comparsa del primo ciclo, il menarca. Normalmente, quando i cicli di allenamento diventano meno duri le mestruazioni riprendono, ma se il blocco è stato molto lungo ed è iniziato prima della pubertà, il rischio che il ciclo rimanga disfunzionale è elevato.
 
Un fenomeno simile si verifica nelle indossatrici, alle quali si richiede una magrezza sempre maggiore, o in caso di anoressia nervosa. Quando la massa grassa della donna scende al di sotto del 10-12%, ovvero il BMI scende al di sotto di 18.5, il valore minimo ritenuto necessario dall’organismo per garantire energia sufficiente ad una eventuale gravidanza, l’ipotalamo interrompe la secrezione di GnRH. In questo caso si tratta di un meccanismo chiaramente protettivo: difficilmente una donna con una magrezza così grave sarà infatti in grado di nutrire il feto ed allattare il neonato. Prudentemente quindi l’ipotalamo evita che si verifichi una gravidanza! Terminato il periodo di stress, e ripreso il peso minimo, ovvero un BMI maggiore 18.5, la ripresa dell’ovulazione avviene nei 6-8 mesi successivi, anche se nei casi gravi, quelli iniziati prima della pubertà, possono essere necessari tempi molto più lunghi, anche anni.
 

A chi rivolgersi?

Specialista in endocrinologia-ginecologica

Specialista in nutrizione clinica (se presente magrezza o anoressia nervosa)

Specialista in psichiatria (se presente anoressia nervosa)

La lettura dell'articolo non sostituisce il parere del medico

CERCHI UNO SPECIALISTA
NELLA TUA ZONA?

N&S Store prossimamente online

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.